Saints Pagnano

I Saints Pagnano nascono nell'estate del 2003, grazie all'iniziativa di un gruppo di amici (alcuni dei quali già giocavano da tempo a calcio a 5), che decidono di mettersi "in proprio" e formare la loro squadra.

Amanti del calcio inglese, l'immaginazione corre subito oltremanica e ci si ispira ai Saints del Southampton, squadra storica, che per anni ha annoverato tra le proprie fila uno dei più grandi geni del calcio britannico: Matthew Le Tissier.
La società si rende autonoma rispetto l'A.C. Pagnano e si dà un minimo di organizzazione:
dirigenza snella e appassionata, qualche acquisto di giocatori d'esperienza e tanto entusiasmo.

I biancorossoneri (colori sociali dei Saints) cominciano ad inanellare una serie di vittorie che portano la squadra subito ai vertici della classifica. Dopo un'esaltante testa-a-testa con il Livigno, i Saints, al loro primo tentativo vincono meritatamente il campionato di serie D e sono promossi in C2.

I Saints partono bene anche nel campionato 2004/2005 di C2. Inizio folgorante, poi un momento di flessione (che porta al cambio dell'allenatore) ed il ritorno a risultati che consentono ai Saints di chiudere al terzo posto dietro il fortissimo Lecco e il Monza. Niente male per una neopromossa, che si è fatta rispettare su tutti i campi ed ha interrotto la propria corsa solo nelle semifinali dei play-off!

La svolta viene nell'anno successivo, 2005/2006. Cambio di strategia e programmazione: via tutti i giocatori e tecnici legati in qualche modo al calcio a 11, scelta di un allenatore (con patentino) di calcio a 5, giovani promettenti su cui lavorare per conseguire la promozione in C1 in tre anni. Il primo è un campionato di assestamento, da metà classifica, che serve per porre le basi del progetto. Nel 2006/2007 c'è un passo in avanti, un paio di nuovi giocatori consentono il raggiungimento dei play-off. E nel 2007/2008, con due acquisti di valore, la grande stagione: vittoria del girone con promozione diretta in C1 e la contestuale vitoria della Coppa Lombardia. Un magnifico double di cui ancora oggi la società va fiera.
Raggiunto l'obiettivo la società alza l'asticella,  e se ne propone uno non meno ambizioso: la promozione in serie B in tre anni, tenendo sempre presente la politica dei piccoli passi e della gestione oculata delle spese.
Il primo anno di C1 si è chiuso con un dignitoso ottavo posto, dopo un girone di andata di grande spessore. 

Nel frattempo, come da indicazioni della federazione, con la conquista della C1 è stata costruita una squadra giovanile, finalizzata a creare un serbatoio da cui attingere in ottica prima squadra.

Nel 2010/2011 una parentesi di rientro in C2 al termine di una stagione sfortunata. In C2 L’obiettivo era uno solo: vincere. E i Saints dominano. Si ritorna, dunque, nellla stagione 2011/2012  in C1 con l’obiettivo di rimanere nella parte sinistra del tabellone. In tal ottica ecco l'arrivo di un allenatore “di categoria”, che ha già vinto in questo campionato. La stagione si chiude con un onorevole settimo posto ed una evidente crescita tecnico-tattica. Emergono, inoltre due o tre ragazzi interessantissimi coltivati nel vivaio.

 

La stagione successiva è un'autentico trionfo! A dicembre arriva la Coppa Italia regionale nella finale contro il Bergamo ed ad aprile si completa il double con la vittoria del campionato di C1 e relativo storico approdo ai Campionati Nazionali!

 

Arriviamo all'esordio in Serie B nel campionato 2013-2014: ovviamente l'obiettivo è il mantenimento della categoria e seppur non senza le difficoltà che una matricola può chiaramente incontrare, il traguardo viene raggiunto.
Nel frattempo la società cresce anche nello sviluppo del settore giovanile e viene istituita la squadra Juniores oltre all'Under 21 che sfiora l'accesso alla Final 8 di Coppa Italia di categoria, sconfitta solo dalla corazzata Kaos Bologna.

 

Eccoci ora alla stagione 2014-2015, avvengono alcuni rinnovamenti ed innesti nello staff tecnico e la rosa viene ulteriormente ringiovanita e resa competitiva con l'obiettivo di affermarsi sempre di più come realtà consolidata nel campionato Nazionale di Serie B. Obiettivo raggiunto con un campionato di media/alta classifica con un 4° posto finale che permette ai Saints di accedere ai playoff promozione per la Serie A2 per la prima volta. Nelle 2 sfide col Real Cornaredo prevale l'equilibrio (4-4 all'andata ed 1-1 al ritorno) e solo nei tempi supplementari gli avversari hanno la meglio con il 3-1. Il bilancio alla fine della stagione è sicuramente positivo.
L'Under 21 accede ai playoff di categoria e viene eliminata dall'Asti solo nella gara di ritorno per 6-1 dopo che nella sfida casalinga i "santi" si erano imposti 4-2.


Nella stagione 2015-2016 la squadra prosegue il percorso portato avanti nella stagione precedente. La squadra é ulteriormente ringiovanita e sopratutto nel girone di ritorno si vede una crescita sia dei singoli che del collettivo. Non viene ripetuta l'impresa del raggiungimenti dei playoff dell'anno precedente ma ci si riesce a togliere diverse soddisfazioni.

L'Under 21 accede di nuovo ai playoff di categoria ma viene eliminata dai piemontesi del TOP 5.


La stagione 2016-2017 (la prima della storia a 14 squadre) é stata, a detta del presidente Mauri, la migliore della storia della società quanto a risultati acquisiti. Un girone di andata con 1 sola sconfitta ha permesso di poter accedere per la prima volta nella storia dei Saints alla Coppa Italia di serie B. Superate i primi 2 turni contro L84 e Lecco i Saints Pagnano hanno così acceduto alla FINAL 8 di categoria disputata ad Augusta. I nostri ragazzi hanno ben figurato, uscendo a testa altissima dalla competizione ai quarti di finale perdendo per 2-3 contro la Brillante Torrino di Roma. La stagione regolare si é chiusa con un soddisfacente 5° posto che ha permesso di accedere ai playoff promozione. La corsa all'A2 si é interrotta subito al primo turno nel match (perso 4-2) giocato in trasferta a Castelfidardo (AN) contro la Tenax padrona di casa in una gara sfortunata che non toglie però la soddisfazione ai ragazzi ed alla società per quanto mostrato durante la stagione.

 

La stagione 2017-2018 vede il ritorno dei gironi a 12 squadre, con però l'accesso di tutte le compagini di categoria alla Coppa Italia in un maxi-tabellone. Curiosità anche per la Coppa della Divisione che vedrà partecipare tutte le squadre dei campionati nazionali. La rosa dei Saints, come un anno prima, ha subito diverse variazioni per vario motivo, l'obiettivo é sempre quello di consolidarsi come realtà solida in Serie B e continuare il percorso di cresciuta.